Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 ''70 LICENZIATI A NATALE? E' IL CAPITALISMO'', RIZZO, ''GLOBALIZZAZIONE FERISCE L'ABRUZZO'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

''70 LICENZIATI A NATALE? E' IL CAPITALISMO'', RIZZO, ''GLOBALIZZAZIONE FERISCE L'ABRUZZO''

Pubblicazione: 30 novembre 2018 alle ore 06:30

di

CHIETI - “Non deve stupire il fatto che una azienda licenzi per Natale 70 dipendenti in Abruzzo. È così che funziona il capitalismo internazionalizzato, è così che funziona la globalizzazione. E la risposta a tutti questi disastri non può che essere una lotta su scala internazionale per la piena occupazione”.

Interviene così Marco Rizzo, segretario nazionale del Partito comunista, nella vicenda dei lavoratori della Ball Beverage Packaging di San Martino sulla Marrucina (Chieti) che la proprietà ha deciso di chiudere licenziando i 70 dipendenti per il giorno di Natale, con tanto di delocalizzazione in Serbia e in Spagna. 

Con l’azienda che, ha ammesso il presidente vicario della Giunta regionale, Giovanni Lolli, “si è dimostrata sorda ad ogni richiamo di ragionevolezza”.

Una vicenda che continua a suscitare diverse eazioni, tra cui quella della presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che ha invitato a “Non comprate più le loro lattine”.

“Ma non è così che si affrontano questi problemi - ammonisce Rizzo, reduce, come rappresentante della delegazione italiana, dalle celebrazioni ad Atene per i cento anni della fondazione del Partito comunista di Grecia - perché si tratta comunque di prodotti fatti in Italia. Bisogna invece comprendere che se non si esce dalla logica della globalizzazione capitalistica intersecata in tutti i settori, non si risolve nulla”.

“L’unica cosa seria è essere contro la globalizzazione, quindi contro il capitalismo - prosegue - dunque le battaglie nazionali sono assolutamente inefficaci. Hai aziende con marchi italiani ma a capitale straniero, o addirittura a personale straniero, che de localizzano, licenziano, insomma, che fanno ciò che deve fare il capitalismo”.

“Io sono contro giganti come Amazon, ma non è che l’abruzzese Sergio Marchionne con la Fiat abbia agito diversamente - dice ancora Rizzo - Tanto è vero che la Fiat non è più italiana”.

Proprio su Amazon, gigante mondiale del commercio online, fresca di inserimento nell’elenco dei fornitori postali diramato dal ministero dello Sviluppo Economico, Rizzo afferma che "si tratta di un'altra scelta del M5S e del ministro Luigi Di Maio a favore delle multinazionali. Un'altra scelta del M5S e del ministro Di Maio a favore delle multinazionali. 

“Solo un sistema socialista può garantire la piena occupazione, fregandosene del profitto”, conclude il segretario comunista. 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

BALL: AZIENDA CONFERMA CHIUSURA, LOLLI, ''ATTEGGIAMENTO INQUALIFICABILE''

SAN MARTINO SULLA MARRUCINA - "Nella riunione che si è svolta oggi al Ministero dello Sviluppo Economico sulla drammatica vertenza della Ball Beverage e a cui ha partecipato il direttore del Dipartimento Attività Produttive della Regione... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui