Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 ASM: DIPENDENTE DEMANSIONATA, CONFERMATA SENTENZA IN APPELLO, ''DEVE TORNARE AL SUO POSTO'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

ASM: DIPENDENTE DEMANSIONATA, CONFERMATA SENTENZA IN APPELLO, ''DEVE TORNARE AL SUO POSTO''

Pubblicazione: 14 settembre 2019 alle ore 16:19

L'AQUILA - Demansionata per una "arbitraria ed illegittima decisione".

Il Tribunale dell'Aquila ha confermato in Appello la sentenza di condanna contro l'Azienda Asm SpA che, "ostinatamente ancora oggi non provvede alla ricollocazione di una lavoratrice al proprio posto di lavoro", spiega Primo Cipriani, segretario regionale della Uiltrasporti Abruzzo.

Dopo quasi due anni dalla santenza di primo grado, arriva così un'ulteriore conferma dell'illegittimità del demansionamento che, secondo il sindacato e lavoratrice, assistita dall'avvocato Iole Maggitti, ha subito "una vera e propria ingiustizia e, nonostante le sentenze di condanna, l'Azienda non ha ancora provveduto ancora alla sua ricollocazione, nonostante l'immediata esecutività".

La dipendente, L.F., nel 2015 e senza apparenti motivi, è stata destinata a mansioni di ben due livelli inferiori, ovvero da contabile da quarta livello ad addetto allo spazzamento strade e piazze (secondo livello), "con ogni ricaduta in termini di danno alla dignità e professionalità".

"Ma oltre al grave demansionamento - siega il sindacato - è stata costretta a subire l'arroganza dell'Azienda che, non eseguendo il pronunciamento giudiziale, la destinava ad altre mansioni che nulla avevano a che vedere con quelle inerenti la contabilità ed il livello di appartenenza, per cui, ad oggi, alla luce della sentenza d'Appello, la lavoratrice non esclude di rivendicare ulteriori danni in sede civile e di rivolgersi alla Procura della Repubblica".

Il sindacato auspica "che il nuovo Amministratore di Asm Spa non agisca come i suoi predecessori, e renda finalmente giustizia alla Lavoratrice eseguendo la sentenza di primo grado, confermata in appello, e chiudendo finalmente la vicenda, peraltro, particolarmente onerosa per l’Azienda, che ricordiamo, a partecipazione pubblica, che oltre ad aver dovuto corrispondere il cospicuo risarcimento danni, ha sborsato non pochi soldi per pagare le parcelle ai propri legali esterni e per rimborsare il legale della dipendente".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui