Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 CHIETI: SCOPRE IL TRADIMENTO DEL MARITO E LUI LA PICCHIA Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

CHIETI: SCOPRE IL TRADIMENTO
DEL MARITO E LUI LA PICCHIA

Pubblicazione: 06 novembre 2018 alle ore 15:54

CHIETI - Non solo ha tradito la moglie, ma l'ha pestata più volte con calci, pugni e schiaffi fino a mandarla in ospedale con le costole rotte.

È arrivato davanti al giudice Andrea Di Berardino il caso che vede come vittima una donna di 55 anni, madre di due figlie, di cui una minorenne. Ieri, come racconta Il Centro, è iniziato il processo in cui è imputato il marito, 56 anni, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.

Tutto comincia nel 2014, a Francavilla, quando la donna scopre che l'uomo, con cui è sposata da tanti anni, ha una relazione extraconiugale. Da quel momento per lei inizia un incubo perché, come ricostruisce nel capo d'imputazione il pm Giuseppe Falasca, il 56enne si rende protagonista di "reiterati atti lesivi dell'integrità, della libertà e dell'onore della moglie".

Quell'uomo diventato violento mostra disinteresse per la famiglia e torna a casa abitualmente a tarda ora. E se la moglie prova a ribellarsi, prima partono le offese e poi le botte. Come accade l'11 ottobre del 2014.

"Non servi a niente, sei proprio stupida, non vali niente", le grida con disprezzo. A quel punto la colpisce con calci e pugni così violenti da costringerla a farsi curare in pronto soccorso. Dopo quell'episodio, la donna vive "in costante tensione e paura". Fino a quando, dopo due mesi di allontanamento da casa, il marito torna a picchiarla.

È il 26 febbraio del 2016: lui la manda di nuovo in ospedale dopo averla presa a schiaffi e pugni. Il resto è storia recente: la denuncia, le indagini dei carabinieri della stazione di Francavilla, il rinvio a giudizio. Ora la moglie, difesa dall'avvocato Goffredo Tatozzi, si è costituita parte civile e chiede un risarcimento di 50 mila euro.

"I continui maltrattamenti e le costanti umiliazioni subiti come moglie, donna e madre - scrive il legale - non le consentono più di condurre una vita normale: i soprusi perpetrati nei suoi confronti dal marito hanno avuto ripercussione sulla sua serenità facendole perdere amore e stima per se stessa. Lo stato di prostrazione, che si manifesta attraverso una perdurante fragilità e insicurezza, si riflette negativamente sui rapporti interpersonali. A tutto ciò si aggiunge il timore che possano ripetersi gli episodi di violenza psichica e fisica di cui è già stata vittima".

Nella prossima udienza, fissata al 18 febbraio, verranno ascoltati i testimoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui