Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 FAKE NEWS E SOCIAL: LEZIONE DI DE BORTOLI, ''ABBIAMO PERSO SENSO SOCIALE DELLA VERITA''' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

FAKE NEWS E SOCIAL: LEZIONE DI DE BORTOLI, ''ABBIAMO PERSO SENSO SOCIALE DELLA VERITA'''

Pubblicazione: 10 novembre 2018 alle ore 14:47

Ferruccio de Bortoli

PRATOLA PELIGNA - "Abbiamo perso il senso sociale della verità. Questo spiega anche perché le democrazie liberali siano oggi in crisi. Oggi si vota più di pancia, di contrasto, di negazione che per scelta o per convinzione". 

Una vera lezione di giornalismo quella tenuta dall'ex direttore di Corriere della Sera e del Sole 24 Ore, oggi presidente della casa editrice Longanesi, Ferruccio de Bortoli nel corso della cerimonia del Premio Pratola, di cui lo stesso giornalista è stato insignito insieme allo storico vignettista del quotidiano Il Centro, Franco Pasqualone e ad Assunta Palombizio, imprenditrice agricola di Pratola Peligna, produttrice dell'aglio rosso di Sulmona (L'Aquila).

Sollecitato dalle domande di Stefano Pallotta, presidente dell'Ordine dei giornalisti d'Abruzzo e di Nicola Marini, già presidente dell'Ordine nazionale, de Bortoli ha portato tutti a un'approfondita riflessione sui grandi cambiamenti che oggi attraversano l'informazione, provocati soprattutto dall'avvento di internet e dei social ai quali fanno sempre più ricorso i politici per far passare il loro messaggio, anche se non veritiero. 

"Oggi il falso non porta più nulla. Il falso è una variante della comunicazione - ha sottolineato De Bortoli - ci sono le fake news oppure notizie che ti fanno vedere e rappresentare un avvenimento in un certo modo, anche manipolando i fatti purché questi diano ragione alla opinione che si vuol comunicare". 

Il giornalista, come riporta Il Centro, ha concluso esortando tutti a leggere la storia di quello che in Italia accadde subito dopo la Grande Guerra, giusto 100 anni fa.A salire sul palco per la consegna dei riconoscimenti sono stati il sindaco di Pratola Antonella Di Nino, Pierpaolo Bellucci presidente dell'associazione Futile-Utile, organizzatrice del Premio, Alessandro Di Tunno, district manager di Banca Generali e il direttore della Bcc di Pratola Peligna, Silvio Lancione. 

"L'appuntamento con il Premio Pratola è un'emozione che ogni anno si rinnova e ci riempie di orgoglio - ha sottolineato il sindaco Di Nino - il Premio è un riconoscimento a quei concittadini pratolani che si sono fatti strada e alle eccellenze dell'intero nostro territorio. Ed è un riconoscimento a grandi nomi del campo nazionale, come oggi avviene premiando il direttore de Bortoli". 

In rappresentanza della Regione sono intervenuti il sottosegretario alla presidenza della giunta regionale, Mario Mazzocca e il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo.

Infine, il vescovo Michele Fusco, che insieme agli altri ospiti ha ricevuto in dono da Pasqualone la propria caricatura, ha auspicato che il Premio sia sempre capace di mettere in luce le eccellenze del territorio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui