Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 GIULIANOVA: BIMBO NATO DA ''UTERO IN AFFITTO'', RIFIUTATA ISCRIZIONE ALL'ANAGRAFE, SCOPPIA IL CASO Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

GIULIANOVA: BIMBO NATO DA ''UTERO IN AFFITTO'', RIFIUTATA ISCRIZIONE ALL'ANAGRAFE, SCOPPIA IL CASO

Pubblicazione: 13 marzo 2019 alle ore 19:03

GIULIANOVA - Niente iscrizione all’anagrafe di Giulianova per un minore nato da un maternità surrogata, un pratica vietata in Italia detta anche impropriamente "utero in affitto". Scoppia una caso al Comune di Giulianova, dove l’ufficiale di Stato civile, interpretando le disposizioni di legge riguardanti i nati in paesi extracomunitari da madre surrogata, si è rifiutato di iscrivere un minore all’anagrafe municipale, un caso di cui adesso si occuperà il tribunale civile di Teramo. 

I genitori, come riportato dal quotidiano Il Centro, hanno infatti citato in giudizio il Comune di Giulianova, attraverso l’avvocato Giorgio Muccio di Bologna, e l’amministrazione comunale, con delibera adottata ieri dal commissario prefettizio Eugenio Soldà, ha deciso di costituirsi nominando un legale per la causa.

La vicenda nasce dal matrimonio avvenuto all’estero di un uomo originario di Giulianova e una donna sudamericana, entrambi iscritti all’Aire, il registro de i residenti all’estero. La coppia non era riuscita ad avere un figlio nemmeno ricorrendo alla fecondazione assistita.

Così i due hanno deciso di recarsi in Ucraina dove, in una clinica specializzata, hanno dato il via ad una maternità surrogata, pratica che nel Paese ex sovietico è legale. Con il seme dell’uomo è stata effettuata una fecondazione in vitro con l’ovulo di una donatrice; successivamente l’ovulo fecondato è stato poi impiantato nell’utero di un’altra donna che ha portato a termine la gravidanza e ha partorito il bambino. 

Il tutto con il pieno consenso della moglie del padre biologico. Alla nascita il bimbo viene registrato all’ambasciata italiana a Kiev che, come vuole la prassi, invia la documentazione al Comune di Giulianova accompagnata da una nota: esaminare il caso in tutte le sue sfaccettature giuridiche. Secondo l’avvocato Muccio il bimbo è stato procreato seguendo quanto stabilito dalle leggi dello stato dove il parto è avvenuto e, quindi, tutto nella norma.

Il Comune di Giulianova, invece, ha ritenuto di non procedere all’iscrizione probabilmente per le particolari modalità con cui il bimbo è venuto alla luce, che in Italia sono illegali. Va precisato che il bimbo in precedenza, con la medesima documentazione, è stato registrato nel Paese sudamericano originario della moglie dell’uomo giuliese con regolare iscrizione sul passaporto della stessa trattandosi di minore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui