Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 L'AQUILA: ALL'EMICICLO IN MOSTRA OPERE DI ARDUINI, CONVINTO CHE ''LA BELLEZZA SALVERA' IL MONDO'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA: ALL'EMICICLO IN MOSTRA OPERE DI ARDUINI, CONVINTO CHE ''LA BELLEZZA SALVERA' IL MONDO''

Pubblicazione: 03 maggio 2019 alle ore 16:25

L'AQUILA - "La bellezza salverà l'anima dell'uomo".

Ne è convinto Sandro Arduini, maestro d'arte aquilano che, con la mostra ospitata al Palazzo dell'Emiciclo fino al 15 maggio, intende omaggiare la sua L'Aquila, dove torna ad esporre per la prima volta dopo il terremoto del 6 aprile del 2009.

Sculture, dipinti e ceramiche, riunite sotto il titolo di "Una modernizzante figurazione neo-rinascimentale", "sia per i soggetti figurativi e allo stesso tempo rinascimentali e moderni, ma anche perché il terremoto mi ha costretto a cambiare dimensione dei quadri a lavorare in zone più piccole, e allora mi sono divertito a fare l'artigiano delle antiche botteghe", ha spiegato Arduini.

Titolo che riassume la poetica dell'artista condensata in un universo mitologico ed eroico che trae ispirazione dalle arti classiche e dalle partiture musicali dei vari Beethoven (La pastorale), Listz (Prometeo), Mozart (Il Flauto magico), Debussy (Preludio al pomeriggio d'un Fauno) e, su tutti, Stravinskij (La sagra della Primavera, L'uccello di fuoco, ecc). 

La mostra vuole anche "alleggerire gli animi feriti degli aquilani attraverso un tocco di bellezza".

Il visitatore potrà essere testimone di un percorso artistico che si snoda senza soluzione di continuità tra oli, disegni, sculture, terrecotte e ceramiche datate tra il 1990 e il 2018. Pur se diverse sono le tecniche, unica ed unitaria però è la modernizzazione e la rivisitazione dei miti di Gea, Orfeo e Euridice, Apollo e Dafne, Nike che riposa e tante altre dee, ninfe o eroi. Baricentro della ricerca figurale di Arduini e' comunque il corpo, ritratto per lo più nella sua immanenza di nudita' non solo fisiche ma anche psichiche. 

Sandro Arduini non esponeva all'Aquila dal 2005, anno della mostra "Sotto il segno del Minotauro", poi il terremoto del 2009 ha danneggiato il suo laboratorio d'arte e la sua casa, costringendo l'artista a trasferirsi a Pescara insieme alla famiglia.

La successiva esposizione, "Frammenti", risale, infatti, al 2016, ed e' stata ospitata al Museo Vittoria Colonna della citta' adriatica.

Antonio Gasbarrini, critico d'arte e curatore delle mostre di Arduini, scrive di lui: "All'eloquenza oppositiva delle parole fa riscontro nella sua arte un'unità stilistico-poetica in cui la plasticita' di masse lievitanti, l'andirivieni di zigzaganti segni vettoriali, la prevalente matericita' del colore e una rigorosa, invisibile geometria sottostante il singolo impaginato pittorico, alla fin fine vengono quasi ad annullare ogni differenza esistenziale tra i protagonisti di questo unitario ciclo dall'apparente volto gianico". 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui