Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 L'AQUILA IN 3D AL MUNDA: ECCO IL PLASTICO DELLA CITTA' ''WORK IN PROGRESS'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

L'AQUILA IN 3D AL MUNDA: ECCO IL PLASTICO DELLA CITTA' ''WORK IN PROGRESS''

Pubblicazione: 30 luglio 2019 alle ore 12:45

L'AQUILA - Dopo la card e la mappa della città arriva un altro prezioso strumento per la conoscenza e l’accoglienza turistica all’Aquila: oggi nella sede del capoluogo del Museo nazionale d’Abruzzo (Munda), è stata presentata la mappa dei beni culturali della Città dell’Aquila in 3D, in pratica, un plastico della città realizzato a mano in scala 1:1000 che riporta in forma circolare il territorio dentro le mura urbiche per un’estensione di circa 3,5 km quadrati.

Sono stati riprodotti l’assetto urbanistico, morfologico e paesaggistico del territorio, attraverso l’uso della cartografia tecnica con gli isolati in rilievo. I monumenti principali, religiosi e civili, sono in 3D nelle loro proporzioni reali e seguono gli ultimi interventi di restauro.

“Il plastico è ‘work in progress’, man mano saranno inseriti altri elementi architettonici – si legge in una nota del Munda -. I monumenti sono stati ricostruiti modellandoli in 3D da rilievi realizzati proprio per la costruzione del plastico e sono stati stampati sempre in 3D con l’uso di un derivato del mais, il Pla”.

In un cassetto è contenuta una leggenda che descrive tutti i particolari. Per realizzarlo sono stati usati materiali eco compatibili, legno multistrato e altri materiali riciclabili. Per il colore su base acqua sono stati scelti colori acrilici. Per sostenere il plastico c’è una cornice del diametro di 230 cm sostenuta da un tavolo a forma di tronco di cono.

La realizzazione del plastico segue quella della mappa dei beni culturali della città dell’Aquila che sta andando a ruba e costituisce un altro pezzo del puzzle per visualizzare dopo dieci anni l’esatta dimensione della ricostruzione della città. Il collegamento tra la città e il suo museo naturale è stato reso possibile grazie al progetto "L’Aquila città d’arte", frutto dell’accordo tra Mibac e Comune.

L’opera è stata voluta da Lucia Arbace, direttore del Polo museale d’Abruzzo ed è stata realizzata dalla società Creative di Massimiliano Crea.

"Un plastico - ha spiegato Arbace in un Munda frequentato da molti turisti - nel quale il pubblico può verificare la morfologia della città. Sappiamo che nel ‘500 fu realizzata la prima pianta dell’Aquila da Pico Fonticulano al tempo di Margherita d’Austria. Abbiamo voluto rispecchiare anche la grande tradizione napoletana del tempo di Pompeo Carafa Duca di Noja che è l’autore del plastico del 700 esposto al Munda".

"Oggi abbiamo un plastico con la leggenda che evidenzia gli edifici a seconda della loro conservazione attuale, entro la fine dell’anno sarà implementato con altre scansioni. Mi auguro - ha cocluso - che i proprietari di palazzi storici vincolati ci autorizzino a posizionare i loro edifici nel plastico". Ad oggi sono stati inseriti solo edifici di edilizia civile pubblica e religiosa. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui