Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 L'AQUILA: SGOMBERO SAN GREGORIO, ''MINACCIATI PER AVER RISPETTATO LEGGE'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

L'AQUILA: SGOMBERO SAN GREGORIO, ''MINACCIATI PER AVER RISPETTATO LEGGE''

Pubblicazione: 18 ottobre 2018 alle ore 21:26

L'AQUILA - "Un clima di terrore che non riusciamo più sopportare". Inizia così la nota inviata ad AbruzzoWeb da alcuni residenti del quartiere San Gregorio all'Aquila. 

La denuncia arriva a seguito delle polemiche per l'ordinanza del novembre 2016, a firma dell'ex sindaco Massimo Cialente, per lo sgombero di 30 alloggi popolari al fine di procedere ai lavori di riqualificazione del quartiere.

Nonostante ai residenti siano stati offerti appartamenti nei progetti C.a.s.e. e M.a.p., alcuni di loro, circa 8 nuclei familiari, si sono opposti all'ordinanza e hanno continuato ad occupare gli alloggi, arrivando a minacciare l'amministrazione comunale e le altre famiglie che, invece, hanno accettato di rispettare l'ordinanza di sgombero.

"Noi famiglie di San Gregorio che abbiamo rispettato l'ordinanza di sgombero avvertiamo la necessità di portare l'intera città a conoscenza di cosa stiamo vivendo - si legge nel comunicato -. Siamo ormai da tempo sottoposti a violenze fisiche e verbali perché siamo ritenuti colpevoli di aver accettato l'ordinanza. Non possiamo neanche 'affacciarci' a San Gregorio senza rischiare, nella migliore delle ipotesi, di essere ricoperti di insulti e minacce".

Nei giorni scorsi è diventato virale un video dei residenti che si sono opposti allo sgombero, nel quale il sindaco Pierluigi Biondi è stato apertamente minacciato, con tanto di oggetti di scena, tra i quali una pistola che poi è rivelata finta. A seguito delle denunce, con le immagini al vaglio delle forze dell'ordine, i protagonisti del video hanno cercato di sdrammatizzare assicurando si fosse trattato solo di uno scherzo. E in un nuovo filmato hanno provato a limitare i danni.

"Vogliono far passare il video per una goliardata - si legge ancora nella nota - ma noi cittadini  che abbiamo lasciato le case già da tempo siamo sottoposti a violenze fisiche e verbali. Anche l'amministrazione comunale già da tempo subisce offese con post espliciti sui social e questo non è più tollerabile. Vogliono fare ricadere la colpa dello sgombero su noi che siamo andati via e sull'amministrazione comunale, ma la sentenza del Consiglio di Stato è chiara: gli inquilini non possono rimanere dentro le case in quanto oltre al degrado igienico-sanitario bisogna fare i carotaggi e le prove geotecniche, queste prove non son compatibili con il permanere delle persone negli alloggi".

"Abbiamo paura che possano diventare più violenti di quanto non siano già - conclude la nota - chiediamo di non essere lasciati soli e che le istituzioni si interessino della faccenda".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui