Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 MALTEMPO: METEOROLOGO, ''SUPER-GRANDINE ED EVENTI ESTREMI, SEGNO MUTAMENTO CLIMA'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

GIOVANNI DE PALMA, ''DOVREMO ABITUARCI A QUESTI FENOMENI, AUMENTATA PERSISTENZA NELL'AREA MEDITERRANEA ANTICICLONE AFRICANO'', ''GRADINATE COSI' DISTRUTTIVE ANCHE NEL 2003 A PESCARA E NEL 2006 AD ORTONA''

MALTEMPO: METEOROLOGO, ''SUPER-GRANDINE ED EVENTI ESTREMI, SEGNO MUTAMENTO CLIMA''

Pubblicazione: 11 luglio 2019 alle ore 17:25

PESCARA - "Gli eventi estremi che nelle ultime ore hanno colpito anche l'Abruzzo, sono una conseguenza del  mutamento climatico, del fatto che il bacino del Mediterraneo è soggetto sempre più a risalite durature dell' anticiclone africano".

Lo afferma l'esperto di meteorologia Giovanni De Palma,  direttore del popolare sito Abruzzo meteo, all'indomani dell'eccezionale ondata di maltempo che ha messo in ginocchio l'area costiera abruzzese, con tre ore di pioggia torrenziale nel primo pomeriggio, una violentissima grandinata, e distruttive raffiche di vento. Evento estremo che ha causato anche una ventina di feriti.

"Nulla di cui stupirsi, purtroppo -, spiega ad Abruzzoweb l'esperto - sta aumentando purtroppo l'intensità sulla nostra penisola, perché a causa del cambiamento climatico, il bacino del mediterraneo è soggetto sempre più a risalite durature dell'anticiclone africano, una figura meteorologica che non porta solo tempo stabile, ma temperature ben al di sopra della medie stagionali, come avvenuto in Italia in queste ultime settimane, e non sono in Italia. Basti pensare che in Francia, nell'area della Provenza si sono sfiorati i 45.9 gradi effettivi. Valore mai registrato, nelle misurazioni ufficiali".

"Questa persistenza dell'anticiclone africano - continua a spiegare De Palma -  porta anche ad un accumulo di umidità nei bassi strati, in prossimità del suolo e un conseguente accumulo di energia,  che al primo peggioramento, che va sempre messo in conto, dà luogo a fenomeni temporaleschi di notevolissima intensità. Ed è quello che è accaduto. E continuerà ad accadere. Si passerà sempre più spesso, dal caldo intenso ad eventi estremi".

C'è insomma da avere nostalgia del caro vecchio anticiclone delle Azzorre. 

"Negli anni '80 era la figura di riferimento, che garantiva giornate calde ed estive,  ma più ventilate e secche, e nottate fresche e gradevoli. il che impediva l'accumulo di energia. Ora invece lo scenario è mutato:  i temporali sono fenomeni molti più intensi, in gergo tecnico possono diventare una 'super cella temporalesca', evento molto più organizzato che può causare violente raffiche di vento, grandine di grosse dimensioni, tornado, e che sono capaci di scaricare un quantitativo di pioggia che normalmente nella stessa area cade in un mese o addirittura due mesi".

La "supercella temporalesca" di mercoledì 10 luglio, sarà ricordata nella costa pescarese, per la grandine grossa come una "palla da baseball", come ha suggerito il sindaco di Pescara Carlo Masci. "Una cosa mai vista", il commento di tanti cittadini. 

"Non è in realtà la prima volta che abbiamo avuto a che fare con chicchi di grandine di tale dimensione e pericolosità - spiega però De Palma -. E' già avvenuto il 29 giugno 2003, a Pescara, e il 13 agosto del 2006 nell'area di Ortona e Francavilla, in provincia di Chieti. Non è solo un caso, perche questa area tende ad accumulare più calore ed energia potenziale, scatenando il fenomeno che ho già descritto". 

"La grandine - spiega poi De Palma - si forma all'interno della cellula temporalesca, che altro non è una torre di vapore che si innalza fino a 12 chilometri di altezza.  Nella quote più basse si forma la pioggia, nelle quote più elevate cristalli di ghiaccio. Attratti dalla gravità i cristalli di ghiaccio cominciano a precipitare e si ingrandiscono con il vapore e l'acqua sottostante. Le correnti ascensionali li riportano però in quota, e si  verifica un secondo congelamento, e poi altri ancora, che ne aumentano le dimensioni, aseconda della turbolenza. La struttura del chicco di grandine, se  sezionato, è 'a cipolla', e questo consente di capire quante volte il processo di discesa, risalita e congelamento si è verificato".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

MALTEMPO: IMPRESSIONANTI IMMAGINI DA TRABOCCO A FOSSACESIA

FOSSACESIA - Immagini impressionanti del maltempo che si è abbattuto oggi sull'Abruzzo. Arrivano dal Trabocco Punta Rocciosa di Fossacesia e mostrano il mare in burrasca "colpito" da una violenta grandinata.   (continua)

MALTEMPO: DANNI E FERITI NEL CHIETINO

CHIETI - Decine le telefonate giunte nel pomeriggio al Comando provinciale dei Vigili del fuoco e alla sala operativa del 118 di Chieti per richieste di intervento in seguito agli allagamenti provocati dalla violenta grandinata e... (continua)

MALTEMPO ABRUZZO: MARSILIO, ''VALUTEREMO DICHIARAZIONE STATO EMERGENZA''

BRUXELLES – "Ho seguito da Bruxelles, con attenzione e apprensione, l’ondata di maltempo che ha colpito diverse zone della costa abruzzese, rimanendo in costante contatto con la struttura di Protezione Civile regionale". Così, in una nota, il... (continua)

MALTEMPO PESCARA: AUTO SOMMERSE ALL'OSPEDALE, SOMMOZZATORI IN AZIONE

PESCARA - Una ventina di automobili sono sommerse da circa 2 metri d'acqua nel parcheggio dipendenti dell' ospedale di Pescara, struttura di proprietà del Comune e gestita da una cooperativa. Il parcheggio, secondo le testimonianze, si è... (continua)

MALTEMPO: EX CARABINIERE MUORE MENTRE SVUOTA CANTINA ALLAGATA

AVEZZANO - Una persona è morta per un malore mentre stava tentando di togliere l'acqua dalla cantina allagata, un'auto è rimasta intrappolata nel sottopasso sommerso da acqua e fango, campi del Fucino allagati e tombini esplosi... (continua)

MALTEMPO: INIZIA LA CONTA DEI DANNI, MARSILIO INCONTRA SINDACI

PESCARA - Passata a Pescara l'ondata di maltempo con la violenta grandinata di ieri che ha causato anche una ventina di feriti, e il nubifragio che ne è seguito, da oggi inizia la conta dei danni... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui