Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 MALTEMPO: VENETO IN GINOCCHIO, DALL'ABRUZZO PARTE LA COLONNA MOBILE Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

MALTEMPO: VENETO IN GINOCCHIO, DALL'ABRUZZO PARTE LA COLONNA MOBILE

Pubblicazione: 03 novembre 2018 alle ore 11:48

L'AQUILA - "Pochi istanti fa il Dipartimento Nazionale ha attivato la Protezione Civile Abruzzo, che per tempo aveva dato la propria disponibilità alla Commissione speciale della Provincia autonoma di Trento, per portare soccorso alle popolazioni del bellunese colpite dagli effetti del maltempo".

Ad annunciarlo è il sottosegretario regionale, Mario Mazzocca, dalla propria pagina Facebook.

L'ondata di maltempo che ha colpito l'Italia ha "messo in ginocchio", come riferito nelle ultime ore dal presidente della Regione, Luca Zaia, il Veneto.

Una frana ha ostruito una strada regionale che collega Agordo a Cencehighe, in provincia di Belluno e diversi comuni a nord dello smottamento sono rimasti isolati. 

Zaia ha richiesto l'aiuto e l'intervento della Protezione civile, per la situazione di emergenza e anche dall'Abruzzo, questa notte, è partita la "Colonna Mobile Regionale". 

"Nello specifico, come da ulteriore richiesta, è stata attivata la 'Colonna Mobile Regionale' che si appresta a muovere verso il Veneto (partenza alle ore 5 del giorno 3 novembre 2018) con il seguente assetto: un mezzo con due unità di personale della Protezione Civile della Regione Abruzzo, quali referenti della Colonna Mobile in partenza e in aggiunta ai 16 volontari preallarmati dalla Sala Operativa; un pulmino con 5 volontari Ana Sezione Abruzzi (Squadra Alpinistica); un camion con 2 mezzi ‘mini Pala Meccanica’ con 2 volontari; un camion con Ple (Piattaforma di Lavoro Elevabile) con 3 volontari; due pickup con 6 volontari. L’orario previsto per l’arrivo è stimato per le ore 13 di oggi", scrive Mazzocca sui social.

SCATTA LA SOLIDARIETA'

Per fronteggiare le devastazioni provocate dall’ondata di maltempo che ha colpito il Veneto, e creare disponibilità finanziarie da utilizzare in aiuto alle popolazioni colpite, la Regione, oltre ai vari passi formali per ottenere sostegni pubblici nazionali, fa appello anche alla solidarietà degli italiani e dei veneti.

Dopo l’avvio della procedura per l’attivazione di un numero sms solidale, con la richiesta formale inviata dal presidente della Regione, Luca Zaia, al Capo della Protezione Civile nazionale, Angelo Borrelli, la Regione ha anche attivato un conto corrente dove, chi vorrà, potrà versare un proprio contributo.

"Spero – dice Zaia – che questo conto corrente possa avere la diffusione più ampia possibile e che, come sempre, possa trovare riscontro nella grande generosità della gente. Da parte mia – aggiunge il Governatore – un solo impegno e una sola garanzia: ogni centesimo che verrà versato andrà destinato solo ed esclusivamente per aiutare le persone in difficoltà".

Il Conto Corrente è attivato presso la Banca Unicredit Spa, tesoriere regionale, il Codice Iban è: IT 75 C 02008 02017 000105442360; la causale è: "Veneto in ginocchio per maltempo ottobre-novembre 2018".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui