Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 OMICIDIO RUSSO: MUCCIANTE SI RIVOLSE A STRUTTURA PSICHIATRICA 20 ANNI FA Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor
Messaggio elettorale a pagamento

OMICIDIO RUSSO: MUCCIANTE SI RIVOLSE A STRUTTURA PSICHIATRICA 20 ANNI FA

Pubblicazione: 06 dicembre 2018 alle ore 18:26

PESCARA - Roberto Mucciante, l'uomo di 51 anni che il 25 aprile scorso, a Pescara, uccise con 38 coltellate il vicino di casa Salvatore Russo, nel 1999 si rivolse a una struttura psichiatrica pubblica che gli diagnosticò una sofferenza psichiatrica, prescrivendogli una serie di farmaci.

Secondo il perito nominato dal giudice, Massimo Di Giannantonio, docente di Psichiatria alla facoltà di Medicina dell'Università D'Annunzio, che questa mattina, in tribunale a Pescara, ha illustrato la sua relazione in sede di incidente probatorio, la sofferenza psichiatrica di Mucciante non è nata nell'episodio del 25 aprile e tantomeno nei giorni immediatamente precedenti, e l'omicida reo confesso, "preda della sua sofferenza psicopatologica, non trattata e non adeguatamente curata, ha avuto un'esplosione psicotica di grande importanza".

Tali argomentazioni, secondo il perito, trovano conferma nel fatto che, come documentato dai sanitari del carcere di Pescara, il trattamento sanitario ricevuto in carcere da Mucciante, a base di tranquillanti minori, farmaci anti-psicotici e farmaci anti-depressivi, "dopo un certo numero di mesi ha prodotto dei miglioramenti sia dal punto di vista sintomatologico che dal punto di vista comportamentale".

Di Giannantonio ha dunque concluso che "l'imputato al momento del fatto era affetto da una patologia psichiatrica che ne ha compromesso grandemente la capacità di autodeterminarsi".

Attualmente, invece, l'omicida "non presenta quelle caratteristiche psichiche che lo rendano pericoloso socialmente" ed "è in grado di partecipare coscientemente al processo".

All'incidente probatorio, davanti al gip Antonella Di Carlo, hanno preso parte i legali Gianluigi Amoroso e Clara Di Sipio, che assistono Mucciante, oggi presente in aula, e gli avvocati Andrea Cocchini e Alessandro Dioguardi, in rappresentanza dei familiari della vittima.

Né i consulenti delle parti, Maurizio Cupillari per la difesa e Giuliano Pace per i familiari della vittima, né il pm hanno avanzato contestazioni o controdeduzioni. Pace che si è riservato di presentarle nei prossimi giorni. 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui