Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 REGIONALI: LIRIS (FDI), ''L'ABRUZZO SI FA INSIEME, IL SENSO DI COMUNITA' E' LA FORZA DEL NOSTRO TERRITORIO'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

REGIONALI: LIRIS (FDI), ''L'ABRUZZO SI FA INSIEME, IL SENSO DI COMUNITA' E' LA FORZA DEL NOSTRO TERRITORIO''

Pubblicazione: 06 febbraio 2019 alle ore 15:07

L’AQUILA – Un comitato vivo, fatto di giovani ricchi di entusiasmo, un candidato presidente che ha canali privilegiati con Roma, con il quale interfacciarsi quotidianamente, un programma che mette al centro sull’entroterra abruzzese, basato sulla valorizzazione delle peculiarità dei territori, dal più piccolo centro, ai capoluoghi di provincia.

È questa secondo Guido Quintino Liris, candidato al Consiglio regionale nella lista di Fratelli d'Italia, alle elezioni del 10 febbraio prossimo, “la ricetta vincente”.

Liris, vice sindaco dell'Aquila, medico chirurgo e dirigente della Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila, che ha recentemente aderito a Direzione Italia, movimento guidato dal parlamentare europeo, l'ex ministro Raffaele Fitto, federato con Fdi, fa il punto sulla campagna elettorale a pochi giorni dal voto.

L’evento di chiusura, come annunciato oggi, è in programma all’Aquila domani, giovedì 7 febbraio, alle 19,30 presso il Centro Sportivo “Arcobaleno”, in via Mausonia, 60.

Accanto al candidato consigliere, interverranno il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, commissario provinciale dell’Aquila di Fratelli d'Italia, Etelwardo Sigismondi, coordinatore regionale Fratelli d'Italia, Marco Marsilio, candidato Presidente per il centrodestra, oltre a Fitto, che per l’occasione tornerà nel capoluogo abruzzese.

Nel suo ultimo spot elettorale, divenuto virale sui social, parla di un Abruzzo che si fa insieme, cosa intende?

Il progetto di promozione non è mio, ma è una gemmazione spontanea di quella che è la campagna elettorale che abbiamo organizzato, grazie a un comitato vivo, fatto di ragazzi che stanno partorendo tantissime idee. Sono felicissimo perché stanno dando una dimostrazione di entusiasmo e senso di comunità importante, questo è un segnale importante e rispecchia l'approccio che ormai da anni stiamo dando alla politica: quello cioè di non essere autoreferenziale.

Quando parlo di un Abruzzo che deve essere fatto insieme, intendo proprio questo: la testimonianza che da soli non si va da nessuna parte, ma è la comunità che fa e porta il risultato e molti mi fanno notare che confondo spesso quello che è l'ambito umano e personale con quello politico, qualcuno pensa sia un errore confondere questi due piani, ma nonostante qualche persona si sia persa per strada, posso testimoniare che ne è valsa la pena, perché la gran parte delle persone hanno proseguito quel percorso al mio fianco.

Lei ha definito il candidato alla presidenza per il centrodestra, Marco Marsilio, “un amico”, che tipo di rapporto ha con il senatore di Fdi?

Conosco Marco Marsilio dall'età di 15 anni quando per la comunità aquilana, che stava muovendo i suoi primi passi nei movimenti giovanili di allora, lui era già un punto di riferimento. Già all’epoca viaggiava su altri e alti livelli, poiché stando a Roma aveva canali privilegiati e poteva essere un'interfaccia costante con il territorio.

Il gruppo di amici di quei tempi è ancora vivo ed è seduto in parte sui banchi del consiglio comunale, in parte in quelli della Giunta, come il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi. Con Marsilio c'è un rapporto di grande affetto, stima e confidenza, così come deve essere tra amici e persone che si rispettano.

Perché secondo lei, come più volte è stato ribadito dalla coalizione, il centrosinistra perderà le elezioni? 

Il centrosinistra perderà in maniera sonora soprattutto per “l'effetto D'Alfonso”, il centrosinistra e Giovanni Legnini, sono una continuità del governo dell'ex presidente della Regione: tantissimi elettori e simpatizzanti del centrosinistra hanno verificato come oggi il male assoluto sarebbe un percorso che prosegua quello dei cinque anni passati, che sono stati un dramma, una tragedia politica e amministrativa in particolare per l'entroterra abruzzese, la città e la provincia dell'Aquila.

Proprio per questo non ci sarà possibilità di riconfermare quel modello che ha fallito e l'alternativa a quel modello non può essere neanche l'antipolitica dei grillini, ma la buona politica del centrodestra e di tutti quei candidati che hanno una capacità anche professionale di portare le istanze dei cittadini a livello regionale e di poter trasformare il grido di una terra in proposte amministrative.

Come cambierà l’Abruzzo dopo il 10 febbraio, se a vincere sarà il centrodestra con Marco Marsilio presidente e Guido Quintino Liris consigliere?

Cambierà moltissimo, l'Abruzzo non sarà più diviso in due regioni: una destinata ad andare al doppio, o anche al triplo, della velocità e una destinata a morire, così come era stato certificato dal governo di centrosinistra.

Tornerà ad essere un'unica regione che sarà trattata alla stessa maniera in tutte le sue particolarità, in tutti i suoi piccoli centri, tanto sulla costa, quanto per le aree interne.

Bisogna dare un segno di presenza e attenzione all'entroterra, mancata sino ad oggi, come per esempio nelle aree centrali dell'Abruzzo, nella dorsale appeninica, oggi a rischio spopolamento.

Il tutto con un'attenzione particolare sulla vastità di queste aree, calcolando che la provincia dell'Aquila è metà regione Abruzzo, quindi merita un'attenzione in più rispetto a quello che dovrà essere un fattore correttivo: cioè una distribuzione delle risorse commisurata ai chilometri  quadrati che la compongono, il territorio del capoluogo di regione è tra i più grandi d'Italia e non può avere lo stesso trattamento delle altre province abruzzesi che per estensione sono un terzo, o un quarto, rispetto ad essa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

REGIONALI: LIRIS CHIUDE CAMPAGNA ELETTORALE AL CENTRO ''ARCOBALENO''

L'AQUILA - “Questa campagna elettorale è stata un’intensa ed emozionante sfida, che ho intrapreso con tanti amici che si sono ritrovati nell’idea ‘L’Abruzzo si fa insieme’”. Così Guido Quintino Liris, candidato di Fratelli d’Italia alle elezioni regionali... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui