Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 RICOSTRUZIONE: BERTOLASO, ''10 ANNI COME PREVISTO; C.A.S.E.? CHIEDETE AD AMATRICIANI'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

DIRETTA VIDEO DELLA LECTIO MAGISTRALIS DELL'EX CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE, OSPITE A L'AQUILA PRESSO LA DIMORA DEL BACO, PER L'INAUGURAZIONE DELLA SCUOLA FORMAZIONE POLITICA DELLA FONDAZIONE MAGNA CARTA

RICOSTRUZIONE: BERTOLASO, ''10 ANNI COME PREVISTO; C.A.S.E.? CHIEDETE AD AMATRICIANI''

Pubblicazione: 25 ottobre 2018 alle ore 17:56

di

L'AQUILA - "Le previsioni che avevamo fatto poche settimane dopo quella tragica notte si stanno avverando nella stragrande maggioranza dei casi. Ricordo bene quella turbolenta riunione del Consiglio comunale che era stata tenuta forse nell'unica sala ancora agibile della città, quando dissi che ci sarebbero voluti dieci anni per ricostruire L'Aquila e ci fu una sollevazione, una reazione di urla e proteste da parte di tutto il Consiglio nel suo complesso".

Così l'ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, all'Aquila per una lectio magistralis che ha inaugurato l'attività della scuola di formazione politica della Fondazione Magna Carta presieduta dal senatore Gaetano Quagliariello, commentando l'avvicinarsi del decennale del terremoto del 2009.

"Nel centro storico si è partiti solo nel 2013? Si poteva benissimo partire nel momento in cui abbiamo passato le consegne alle autorità locali" ha fatto osservare rispondendo alle domande dei giornalisti.

"Come avevamo lavorato ventre a terra per dieci mesi, si poteva continuare in quel modo. Ci sono tutta una serie di problematiche anche oggettive che di fatto spesso impediscono delle attività estremamente rapide".

"Il centro storico dell'Aquila, lo abbiamo sempre detto, è uno dei venti centri storici più importanti d'Italia - ha ricordato - quindi ci sono esigenze di tutela dei beni culturali che vanno rispettate, altrimenti avremmo fatto delle belle colate di cemento e poi ci sarebbero state delle proteste perché avevamo deturpato il centro storico. Bisogna quindi trovare il giusto equilibrio".

Alla domanda se si sarebbe dovuto proseguire con il commissariamento o è stato giusto dare poteri agli enti locali, Bertolaso ha detto di essere "rispettosissimo degli enti locali".

"Quando l'allora direttore del Centro scrisse un editoriale intitolato 'Una proroga per Bertolaso', nel gennaio del 2010, venne subissato di insulti da tutti i politici locali, me lo ha confessato lui. Anche io lo chiamai e gli dissi, scusi ma sono dieci mesi che sto qua, non vi basta? È andata bene così", ha aggiunto.

Bertolaso, che esclude un impegno politico - "Se la politica mi fa gola? Mi fa venire il mal di gola", ha ironizzato - è poi tornato a parlare della gestione dell'emergenza.

"La differenza tra il modello L'Aquila e quello del Centro Italia la vedete voi tutti i giorni", ha fatto osservare, "la cosa divertente è che quando si è trattato di capire come ricostruire il ponte Morandi a Genova, uscì il 14 di settembre un articolo di un quotidiano notoriamente molto vicino al governo attuale, Il Fatto Quotidiano, che scrisse 'il decreto sarà modello Bertolaso'. Hanno bloccato tutto e lo hanno riscritto, perché stavano dando tutte le competenze e le responsabilità ad un'unica persona, e il ponte lo avrebbero ricostruito in un anno. Adesso voglio vedere quando lo ricostruiranno".

Bertolaso, arrivato all'Aquila proprio nel giorno in cui operai del Comune hanno iniziato la demolizione dei balconi pericolanti del Progetto C.a.s.e. di Cese di Preturo, ha poi detto che chi critica quella soluzione abitativa, che nel giro di sei mesi consentì di offrire un alloggio a circa quindicimila persone, "dovrebbe chiedere agli abitanti di Amatrice cosa ne pensano".

Sui processi che ha subìto, infine, l'ex capo della Protezione civile ha chiosato: "Si può gridare quanto si vuole, non credo di ricordare scienziati e funzionari dello Stato che abbiano dovuto sopportare procedimenti giudiziari più lunghi e dettagliati di quello che è successo all'Aquila. Conosciamo perfettamente l'esito di questi procedimenti e mi pare che giustizia è stata fatta".

"Abbiamo deciso di inaugurare all'Aquila la tredicesima edizione della scuola di formazione politica perché quest'anno la scuola si occupa soprattutto di aree interne e dunque credo che il caso L'Aquila sia emblematico", ha commentato Quagliariello, senatore eletto nel collegio L'Aquila-Teramo con il centrodestra.

"Stiamo correndo il grande rischio di avere zone che si spopolano sempre di più, diventano dei musei a cielo aperto e delle altre, le coste, in cui vi sarà sovrapopolazione e non vi sarà la possibilità di assorbire coloro i quali si trasferiscono. Questo è un danno enorme per le aree interne e per le coste", ha aggiunto.

"Non è un caso che sulla costa adriatica questa situazione sta diventando quella che consente alla criminalità di radicarsi con più facilità. Allora sarebbe il caso che la politica italiana comprenda che la frattura tra zone interne e coste è uno dei problemi principali della Penisola, forse più grande della divisione tra Nord e Sud", ha concluso Quagliariello.

Alla lectio magistralis, in un'affollata sala della Dimora del Baco, presenti tra gli altri il sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi, l'ex presidente della Regione Gianni Chiodi, che fu commissario dopo Bertolaso, il senatore di Fratelli d'Italia Marco Marsilio, gli ex parlamentari Fabrizio Di StefanoPaola Pelino, gli ex presidenti dell'Ance L'Aquila, Gianni Frattale e Ettore Barattelli, e l'attuale Adolfo Cicchetti, consiglieri e assessori comunali, sindaci del comprensorio come quello di Pizzoli, Gianni Anastasio.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

L'AQUILA: BERTOLASO, ''CHISSA' QUANTO CI METTONO A RICOSTRUIRE IL MORANDI''

L'AQUILA - "La cosa divertente è che quando si è trattato di capire come ricostruire il ponte Morandi a Genova, è uscito il 14 settembre scorso un articolo di un quotidiano notoriamente molto vicino al governo... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui