Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 SESSO: IN PROVINCIA DI PESCARA RICERCA ESCORT CRESCE DEL 54% CON LA FASE 2 Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

SESSO: IN PROVINCIA DI PESCARA RICERCA ESCORT CRESCE DEL 54% CON LA FASE 2

Pubblicazione: 01 giugno 2020 alle ore 08:30

PESCARA - Con la Fase 2 anche il settore del sesso a pagamento si è rimesso in moto con un trend inaspettato: le ricerche di escort in Abruzzo sono aumentate fino al 62 per cento a seguito dell’allentamento delle limitazioni deciso dal Governo Conte.

Al boom di richieste, però, fanno da contraltare il brusco calo di incassi nei mesi del lockdown e la paura del contagio, che non è diminuita con l’allentamento di queste ultime settimane: Al momento, infatti, la domanda dei clienti ha superato nettamente l’offerta delle escort, che rimangono ancora caute e temono per il loro futuro.

Rispetto al periodo precedente della Fase 1, dal 4 all’8 maggio, si è registrato un incremento delle ricerche giornaliere su Google del tema “escort+città” del +58%.

In particolare, per quanto riguarda le quattro province abruzzesi, in testa c’è Chieti con una crescita del 62%, seguita da Teramo con il 61%, Pescara con il 54 per cento e infine L’Aquila che ha registrato +41%.

La presenza di annunci di escort a Chieti nella fase centrale di aprile aveva subìto un calo dell’82%, mentre nella prima settimana di maggio -53%;  nel capoluogo abruzzese, invece, nella prima fase -95%, mentre successivamente -82%, a Pescara si è registrato -94% ad aprile e  -75% a maggio, a Teramo -92% nella prima fase e -54% nella prima settimana di maggio.

Inoltre, le sex workers nei mesi scorsi hanno denunciato di essere ridotte alla fame a causa del blocco totale del Paese per l’emergenza sanitaria in corso legata al Coronavirus, puntando il dito contro le Istituzioni, “colpevoli di ignorare la situazione”.

Per questo, il settore del sesso a pagamento si è mobilitato, cercando di salvarsi da solo. Ogni anno in Italia si contano circa 120.000 sex workers di cui attualmente il 30% versa in grave crisi di povertà, hanno denunciato le escort. 

Le più importanti e storiche associazioni italiane di sex workers e servizi di outreach, con Pia Covre presidente del Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute Onlus come capofila, si sono unite per una raccolta fondi proprio per contrastare una situazione che le Istituzioni stanno ignorando vergognosamente.

Escort Advisor ha condotto, nelle scorse settimane, un sondaggio anonimo tra i propri utenti per capire quali saranno i comportamenti degli amanti del sesso a pagamento.

Al momento la domanda dei clienti, supera nettamente l’offerta delle escort, che rimangono ancora caute.

Dal sondaggio tra i clienti emergono comportamenti che possono indicare l’evoluzione del settore nel post coronavirus. Il 38% dei partecipanti ha dichiarato che porrà più attenzione dopo questa crisi a foto credibili e veritiere, mentre il 30% alle informazioni di altri clienti sulle professioniste, utilizzando ad esempio le recensioni. 

Il 48% porrà meno attenzione al prezzo, preferendo la sicurezza e la qualità. Infatti, il 58%, nel tornare agli incontri, è preoccupato dalla garanzia di salute della ragazza, ma risolve questo problema attraverso le informazioni degli altri clienti e la professionalità della sex worker. Il 44% dichiara che tornerà a visitare le escort non appena sarà possibile uscire in libertà e questo si evidenzia dai dati rilevati dal 4 maggio, inizio della Fase 2.

Le visite giornaliere al sito hanno subito un rialzo del +27%. Anche il numero delle recensioni scritte sul sito dal 4 maggio, con la ripresa degli incontri, sono tornate ad aumentare rispetto al periodo di lockdown con un'impennata del +93%. (a.c.p.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui