Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 SPELEOLOGO MORTO A ROCCAMORICE PROCURA PESCARA APRE L'INCHIESTA Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

FATALE PER 42ENNE DI ARIELLI PIENA IMPROVVISA DENTRO LA GROTTA, ASCOLTATI I SOCCORRITORI E I COMPAGNI DI ESPLORAZIONE SALVI PER MIRACOLO

SPELEOLOGO MORTO A ROCCAMORICE
PROCURA PESCARA APRE L'INCHIESTA

Pubblicazione: 05 luglio 2020 alle ore 19:31

PESCARA - La Procura di Pescara ha aperto un fascicolo sulla tragedia della Risorgenza di Roccamorice dove è morto lo speleologo di 42 anni Alessio Carulli, originario di Arielli (Chieti).

Gli inquirenti hanno già ascoltato tutti i presenti e i testimoni che erano nella grotta della Maiella, e probabilmente nei prossimi giorni la procura effettuerà un sopralluogo sul sito per valutare i fatti.

Carulli è stato raggiunto nel cuore della notte, già cadavere. I soccorritori speleologi sapevano da ore però che 42enne non c'era niente da fare. 

Erano stati chiari i superstiti nel raccontare quanto accaduto in una fessura stretta e lunga, neanche una classica 'grotta' come la gente immagina. Una piena improvvisa dentro la Risorgenza, i sifoni che si allagano e il panico: appena i tre speleologi se ne sono accorti hanno provato a risalire il budello di roccia. I primi due sono riusciti a passare, il terzo, Alessio, forse preso da panico e dall'inesperienza, ha preso una decisione sbagliata. Magari la foga del momento, la paura, la fretta, ha passato la strettoia a pancia in giù invece che a pancia in sù. 

L'acqua lo ha incastrato e non è riuscito a liberarsi. Affogato. Secondo i soccorritori si è trattato di uno dei recuperi più difficili mai effettuati in Abruzzo: certo il meteo incerto e la piena improvvisa hanno complicato tutto. I due speleologi che si sono salvati hanno raccontato che dopo essersi resi conto della piena imprevista hanno iniziato a risalire il budello ma un sifone pieno di acqua li ha fermati: poi sono passati mentre il terzo non ce lo ha fatta. Forse ha complicato le cose anche la sicurezza con cui il gruppo ha affrontato la discesa, visto che non era la prima volta che frequentavano il luogo. I soccorsi allertati dai compagni all'esterno si sono recati subito sul posto con le idrovore ma per il 42enne non c'è stato niente da fare. 

"Siamo distrutti per quanto accaduto e stiamo pensando con dolore alla famiglia di Alessio Carulli. Sappiamo cosa vuol dire perdere un caro, ci siamo passati con Andrea", hanno poi detto i familiari di Giuseppe Pietrolongo, l'altro speleologo che si è salvato ieri. Il fratello Andrea Pietrolongo morì di infarto nel febbraio del 2017, a 39 anni, forse per il grande stress, ed era stato uno dei soccorritori del terribile inverno di Rigopiano: esperto speleologo e soccorritore aveva operato nel teramano in quei giorni terribili. Ad Andrea è stato intitolato il Gruppo Esplorazione Speleo-torrentistica "Andrea Pietrolungo" del CAI di Pescara. "Sappiamo che chi va in montagna o in grotta mette in conto questi rischi. C'è un imprevisto continuo e in 10 secondi può cambiare tutto. Con loro - spiegano - c'era gente esperta e mi risulta che Alessio era un geologo appassionato, non sono andati con le infradito. E' una sventura, un dolore vero. Per ora Giuseppe è sempre ricoverato in ospedale perché i valori non sono buoni per nulla: è rimasto troppo tempo là sotto". La Procura di Pescara intanto ha aperto un fascicolo e ascoltato i testimoni: nei prossimi giorni verrà effettuato un sopralluogo sul sito della tragedia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

ROCCAMORICE: TROVATO MORTO SPELEOLOGO DISPERSO IN GROTTA SULLA MAIELLA, AVEVA 42 ANNI

PESCARA - È stato trovato morto il terzo speleologo coinvolto ieri nell'incidente nella grotta di Risorgiva a Roccamorice, alle pendici della Maiella, nel Pescarese.  Il Soccorso Alpino e Speleologico ha estratto da poco la salma dalla grotta,... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2020 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui