Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 SPORT IN LUTTO PER LA MORTE DI FOSSATARO, SIMBOLO DEL BASKET ROSETANO Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

SPORT IN LUTTO PER LA MORTE DI FOSSATARO, SIMBOLO DEL BASKET ROSETANO

Pubblicazione: 05 novembre 2018 alle ore 14:45

Vittorio Fossataro

ROSETO - Addio a un monumento della pallacanestro rosetana. 

Si è spento ieri mattina nell’ospedale dell’Aquila, dove era ricoverato da qualche giorno, Vittorio Fossataro, portato via da un brutto male. 

Uomo di basket conosciuto a livello internazionale e ultimo simbolo della pallacanestro rosetana, Fossataro, che aveva 78 anni, lascia la moglie Maria ed i figli Paolo e Luciano

Anche quest’anno, come racconta Il Centro, nonostante la malattia che lo aveva colpito, aveva avuto lo stesso la forza di iniziare la sua cinquantunesima stagione da dirigente sportivo come team manager del suo Roseto Sharks, seguendo spesso i suoi ragazzi al PalaMaggetti nonostante la pesante terapia a cui si doveva sottoporre.

Fossataro è sempre stato vicino come dirigente alle tante proprietà che si sono succedute alla guida del basket rosetano, un elenco lunghissimo che parte negli anni Sessanta quando affiancò figure leggendarie come quelle del colonnello Aldo Anastasi e di Giovanni Giunco, per arrivare fino ai giorni nostri quando ha sostenuto in prima linea l’ultima cavalcata vincente del duo composto da Ettore Cianchetti e Daniele Cimorosi, che nel 2009 ripartirono dalla serie C per scalare la vetta fino ad arrivare all’attuale serie A2.

Ma Fossataro non era solo questo: all’occorrenza faceva anche i lavori manuali più umili, pur di preservare l’efficienza verso l’esterno del suo Roseto, grazie alla sua maniacale precisione. 

Sua era l’organizzazione pratica del torneo estivo di basket più antico d’Italia, quel “Trofeo Lido delle Rose” nato nel 1945 ai tempi della seconda guerra mondiale e giunto quest’anno anche grazie alla sua determinazione all’edizione numero 73. 

E suo era anche lo zampino nella rinascita della Pro loco. 

Anche per questi motivi, lo scorso ottobre, dopo che gli Sharks gli vollero consegnare un riconoscimento alla carriera, il consiglio comunale di Roseto votò all’unanimità di conferirgli la cittadinanza benemerita.

Ieri mattina la salma è partita dall’Aquila; verso mezzogiorno la bara è stat posta nella camera ardente, allestita nella sala del consiglio comunale, al terzo piano del municipio, dove resterà fino a domani, martedì 6 novembre, quando alle ore 10 è previsto il funerale nella chiesa di Santa Maria Assunta.

Alla famiglia le condoglianze da parte della redazione di AbruzzoWeb.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui