Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 TERREMOTO: COMMISSARIO NON NECESSITA INTESA GOVERNATORI, IRA REGIONI E PD Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

TERREMOTO: COMMISSARIO NON NECESSITA INTESA GOVERNATORI, IRA REGIONI E PD

Pubblicazione: 18 ottobre 2018 alle ore 13:26

Piero Farabollini

L'AQUILA - Il commissario alla ricostruzione post-terremoto in centro Italia, Pietro Farabollini, potrà emanare le proprie ordinanze senza la "previa intesa" con i presidenti delle Regioni, ma semplicemente avendoli "sentiti".

È quanto prevede un emendamento della maggioranza al decreto Genova approvato nella seduta notturna che ha provocato la reazione negativa di tutte le opposizioni, secondo le quali si tratta di una scelta politica dovuta al fatto che i governatori sono di partiti d'opposizione.

Secondo il deputato del Movimento cinque stelle Antonio Zennaro, con l'emendamento a prima firma dei parlamentari abruzzesi, "la maggioranza ed il Governo hanno conferito maggiori poteri al commissario alla ricostruzione che, fino ad oggi, era costretto ad agire di intesa con i presidenti delle Regioni coinvolte. Questo ulteriore passaggio burocratico, come evidente, in questi ultimi 2 anni ha rallentato enormemente la fase di ricostruzione con enormi danni per i cittadini. Il Governo del cambiamento, mediante queste nuove norme, mira a favorire un rapida ricostruzione eliminando tutti i lacci e lacciuoli burocratici inseriti dall'ex Governo targato Pd".

Di ben altro parere i deputati del Pd.

Stefania Pezzopane ha esplicitato il "sospetto che gli emendamenti nascondano una azione politica contro le quattro regioni oggetto degli eventi sismici".

E parole analoghe le hanno pronunciate Chiara Braga, Luciano Pizzetti e Davide Gariglio, che ha parlato di "copi di mano". Ma critiche sono venute anche da Forza Italia e da Fdi.

I presidenti delle Regioni Marche, Abruzzo, Umbria e Lazio, intanto, non parteciperanno oggi all'incontro con il neo-commissario in segno di protesta contro il "colpo di mano" del governo che "ha tolto ai presidenti delle Regioni, subcommissari al terremoto, il potere di condivisione sulle ordinanze commissariali, declassando la loro funzione a potere 'consultivo'".

È quanto si legge in una nota congiunta dei quattro governatori. Una scelta "grave e miope", aggiungono, che "produrrà sicuramente contenziosi e ricorsi". I governatori valutano anche "un ricorso alla Consulta".



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui