Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 TERREMOTO: PEZZOPANE, ''L'AQUILA E' USCITA DA AGENDA POLITICA DEL PAESE'' Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

TERREMOTO: PEZZOPANE, ''L'AQUILA E' USCITA DA AGENDA POLITICA DEL PAESE''

Pubblicazione: 05 ottobre 2018 alle ore 12:24

L'AQUILA - “L’Aquila è uscita dall’agenda politica di questo Paese. Di settimana in settimana, da quando il governo si è insediato, constatiamo un allontanamento costante dalle necessità della nostra città e in generale del cratere sismico. Ormai siamo arrivati alla cancellazione del problema”.

Lo ha denunciato la deputata del Partito democratico Stefania Pezzopane che, in conferenza stampa, ha parlato della disattenzione dell’esecutivo e della maggioranza parlamentare per le vicende della ricostruzione dell’Aquila e del cratere.

Conferma che secondo la parlamentare è arrivata dalla predisposizione del decreto sulla ricostruzione a Genova.

“In realtà – ha detto Pezzopane, intervenuta assieme all’ex sindaco Massimo Cialente e alla dirigente del Pd Gilda Panella – a parte il fatto che per confezionare questo provvedimento ci sono voluti 44 giorni, un fatto senza precedenti, esso contiene risposte non solo all’emergenza di Genova, ma anche ad altre, come Ischia e il Centro Italia. Ci sono tutte, tranne L’Aquila”.

“Una situazione che perdura, visto che da quando il governo si insediato, l’unica risposta ottenuta, ha detto la deputata aquilana, è stata la proroga (all’interno del decreto terremoto) della scadenze per la restituzione degli aiuti fiscali richiesta alle imprese dell’Aquila e del cratere, una proroga peraltro giunta dopo quella disposta dal governo Gentiloni. Tutte le altre richieste ed emendamenti sulle questioni del sisma 2009 sono stati respinti, e lo stesso è accaduto nell’ambito dell'approvazione e della conversione dei precedenti decreti, quello Terremoto e il Milleproroghe”.

“Le proposte arrivavano anche da Fratelli d’Italia e Forza Italia, che governano il Comune con la Lega”, ha detto Pezzopane, che ha confermato che nonostante la scarsa attenzione ricevuta finora da governo e maggioranza continuerà a porre in evidenza le questioni che necessitano di risoluzione per L’Aquila e il cratere, e a offrire proposte. Pezzopane ha anche richiesto, unico parlamentare a farlo, l’audizione del sindaco e del presidente della Regione proprio in un’ottica di reintroduzione delle questioni nell’agenda politica.

Questioni da risolvere che sono state elencate dalla deputata del Pd: per le tasse sospese la proroga scadrà a fine anno, ma si potrebbe lavorare da subito sulla norma nazionale in vista della trattativa con l’Ue, come ha chiesto Pezzopane; il Pd ha ottenuto nella scorsa legislatura la proroga di tre anni del personale che opera per la ricostruzione ma rimangono da risolvere questioni che riguardano i cosiddetti Ripam e i precari fuori cratere; va “rimessa in pari” la questione dei bilanci, con le minori entrate e le maggiori uscite dovute al sisma e alla ricostruzione, che negli anni passati veniva affrontata sempre con largo anticipo rispetto alla discussione della Legge di Bilancio; la governance rimane gravemente sguarnita: in scadenza gli uffici speciali, non c’è il sottosegretario alla ricostruzione, il responsabile della struttura di missione Marchesi ha ricevuto la proroga appena di un mese; Pezzopane ha chiesto da tempo un incontro al sottosegretario Giorgetti, senza ricevere risposte.

La deputata ha concluso: “Eppure c’erano precisi impegni del governo. Negli anni scorsi le risposte ai problemi e alle necessità dell’Aquila  le abbiamo sempre ottenute e quando tardavano come Pd aquilano non abbiamo esitato, pur governando a Roma, a fare le battaglie”.

L’ex sindaco Massimo Cialente ha rincarato: “Il terremoto del 2009 è stato un fatto senza precedenti, ha distrutto una città capoluogo di Regione e per affrontare la ricostruzione abbiamo dovuto costruire strumenti che necessitano di una costante manutenzione, ordinaria e straordinaria direi. Se il governo non se rende conto e mette da parte questo problema, vuol dire che hanno spento il faro, sono terrorizzato da questo abbandono. Faccio solo un esempio: il mancato rinnovo strutturale a Marchesi ha determinato il blocco delle delibere e dei fondi al Cipe. Gli aquilani devono mobilitarsi. Il sindaco dell’Aquila, in queste ore drammatiche, ha pensato persino di lasciare la città per la candidatura a Presidente della Regione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui