Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 TERRENI EDIFICABILI UNIVAQ: LA RETTRICE INSISTE, ''LI' ORTI DIDATTICI'' MA TUTTO FERMO Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

TERRENI EDIFICABILI UNIVAQ: LA RETTRICE
INSISTE, ''LI' ORTI DIDATTICI'' MA TUTTO FERMO

Pubblicazione: 04 dicembre 2017 alle ore 07:00

La zona di Casale Calore
di

L’AQUILA - È tutto bloccato nella vicenda dei terreni di proprietà dell’Università degli Studi dell’Aquila, in località Casale Calore, per i quali il Comune dell’Aquila aveva deliberato nel 2010 una variante al piano regolatore generale trasformandoli da “agricoli” a “area per attrezzature generali”.

La variazione di destinazione d’uso era conseguenza di un accordo di programma tra l’Eni, l’Università e il ministero per l’attuazione del progetto "Un ponte per l’innovazione", con un finanziamento proprio di Eni per la realizzazione di un centro di ricerca e una residenza universitaria per una spesa stimata di circa 12 milioni di euro.

Un progetto sfumato tra le polemiche per rritardi e burocrazia, mentre il finanziamento della società petrolifera, che sarebbe potuto svanire o finire altrove in Abruzzo, è stato recuperato in extremis e dirottato sulla ricostruzione della Basilica di Collemaggio, distrutta dal terremoto del 2009 e il cui recupero, nel frattempo, è ormai ultimato.

Smentendo le ipotesi, che pure si erano vagheggiate in passato, di possibili speculazioni edilizie, l’Università continua a dirsi non interessata all’edificabilità, ma assicura di essere ancora intenzionata “a realizzare nella zona di Casale Calore degli orti didattici a uso degli studenti” come confermato dalla rettrice Paola Inverardi, che aveva anticipato il progetto a questo giornale già nel 2015. Da allora, però, non è successo assolutamente nulla.

All'idea, ammette, “non abbiamo avuto tempo e modo di dare seguito. Nella zona ci sono sempre state e ci sono ancora adesso delle stazioni di rilevamento gestite dal Cetemps del dipartimento di Fisica - ricorda la rettrice - Siamo molto impegnati nel cercare di recuperare il patrimonio esistente dell’Università aquilana e quella zona non rientra nei nostri progetti di espansione”.

“È venuta meno la finalità dell’accordo di programma, in base al quale è stata deliberata la variazione di destinazione d’uso del terreno - precisa Luigi D’Eramo, nuovo assessore all'Urbanistica del Comune dell’Aquila - Come è noto, non si realizzerà più il centro di ricerca e, da un esame degli atti, non sembrano esserci clausole di retrocessione in automatico della destinazione d’uso. Servirebbe quindi una richiesta in tal senso da parte dell’Ateneo. Il Comune resta l’ organo competente per le variazioni di destinazione”.

L’Ateneo cittadino è ancora in attesa di vedere assegnati i fondi per la ristrutturazione del complesso ex ospedale San Salvatore, acquistato anni or sono e per il restauro della sede del rettorato, Palazzo Carli, fondi che, da quanto annunciato dalla stessa rettrice sempre a questo giornale, nell’aprile scorso, “dovrebbero essere inseriti in una delle prossime delibere Cipe”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

CENA SEGRETA CENTRO ENI: LETTA MUTO NON CHIARISCE I SUOI MISTERI

di Alberto Orsini
L'AQUILA - Una riunione carbonara in uno dei più tradizionali locali dell'Aquila, l'osteria delle Antiche Mura, per decidere come riavviare il defunto progetto Casale Calore. Quella che AbruzzoWeb documenta in esclusiva è una cena che si incastona... (continua) - VIDEO  

CASALE CALORE, DI STEFANO ''UNIVERSITA' CHIEDA RITORNO A TERRENO AGRICOLO''

di Filippo Tronca
L'AQUILA - Ci vuole un input dall'Università dell'Aquila per sbloccare la vicenda di Casale Calore, il terreno dove sarebbe dovuto sorgere un centro di ricerca dell'Eni, poi cancellato, appezzamento che ora è a destinazione edilizia e... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui