Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 UNIVAQ: A RISCHIO IL CENTRO ENI; SCARONI FURIOSO, 20 MILIONI IN FUMO? Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.
  • Abruzzoweb sponsor

DI ORIO PROVA A CONVOCARE UN VERTICE E ACCUSA IL COMUNE TROPPO LENTO
CHIODI: LUNEDI' VERTICE, NON POSSIAMO PERDERLO. LETTA FARA' DA PONTIERE?

UNIVAQ: A RISCHIO IL CENTRO ENI; SCARONI FURIOSO, 20 MILIONI IN FUMO?

Pubblicazione: 31 maggio 2012 alle ore 09:31

Ferdinando Di Orio e Paolo Scaroni nel maggio 2009, alla firma dell'accordo Univaq-Eni

L'AQUILA - A meno di sorprese dell'ultim'ora, l'Università dell'Aquila sta per perdere l'investimento da 20 milioni di euro dell'Eni per la realizzazione di un centro di ricerca in località Casale Calore.

Da quanto si è appreso, contrariato dalle lungaggini che non hanno consentito l'apertura del cantiere entro i tempi previsti, è stato lo stesso amministratore delegato dell'azienda, Paolo Scaroni, a comunicare la cosa al rettore dell'ateneo del capoluogo, Ferdinando Di Orio.

Anche il governatore Gianni Chiodi si sta interessando della cosa: annunciato un vertice a Roma per lunedì.

IL PROGETTO

Il progetto "Ponte per l'innovazione" prese il via con la firma di un protocollo d'intesa siglato più di tre anni fa tra Eni, ateneo e ministero dell'Università, e prevedeva la costruzione di una casa alloggio per ricercatori e studenti da 100 posti, di 50 laboratori, oltre ad aree tecniche, aule e uffici.

Un intervento caratterizzato da polemiche e tortuosi iter burocratici che hanno indispettito Scaroni e l'hanno portato, da quanto si apprende, a rinunciare all'idea di insediare il centro di ricerche all'Aquila e a ripiegare su altri progetti che, però, verranno valutati non più direttamente con l'ateneo, ma con le autorità locali, rendendo vano il tentativo in extremis del rettore di salvare il salvabile.

Sempre da quanto si è appreso, Di Orio sta tentando il tutto per tutto per scongiurare la iattura: ha scritto a Scaroni per chiedere il rinnovo del tavolo tecnico previsto in convenzione, ormai scaduto, annunciando anche che il progetto è in dirittura d'arrivo.

L'ex senatore ha inoltre chiesto un incontro "dentro o fuori" a Scaroni, anche alla presenza di Gianni Letta, divenuto dopo il sisma "nume tutelare" dell'Ateneo, come quando ha fatto rinnovare per tre anni l'esenzione del pagamento delle tasse universitarie.

Lo stesso Di Orio si è difeso, scaricando la responsabilità sul Comune dell'Aquila che, a suo dire, avrebbe perso mesi e mesi per approvare la trasformazione urbanistica da agricoli a edificabili dei terreni interessati.

Effettivamente la delibera di variante al piano regolatore generale si arenò più volte all'esame del voto dell'aula, in quanto gran parte dell'opposizione criticava l'eccessiva ampiezza dell'area interessata dalla variante al Prg e l'elevato indice di cubatura consentito, ben oltre le necessità contenute negli elaborati progettuali.

In prima battuta l'Eni ipotizzò anche la costruzione, nella stessa area, di una centrale per il teleriscaldamento da 120 milioni di watt che, però, fu bocciata dal Consiglio.

Dopo il rinvio del 23 marzo scorso, la vicenda è tornata di nuovo all'esame del Consiglio di amministrazione convocato per oggi: l'organismo era chiamato a discutere sulla spinosa questione nella sua ultima seduta prima del rinnovo, ma in concreto ne è venuto fuori un nulla di fatto. Pierluigi Biondi

CHIODI: NON POSSIAMO PERDERLO, LUNEDI' VERTICE

"Ne ho parlato oggi a Roma. Non possiamo perderli, lunedì sera vediamo di mettere insieme i soggetti interessati (comune e universita) e risolvere. Intanto Letta lavora su Scaroni".

Questo il commento stringato del presidente della Regione e commissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, nel linkare nella sua bacheca Facebook l'articolo di AbruzzoWeb che questa mattina ha anticipato il rischio molto molto concreto che L'Aquila perda questo progetto da 20 milioni a cui fa riferimento il pres.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

COMUNE L'AQUILA: ''MAGGIORANZA INCAPACE DI GOVERNARE''

L’AQUILA – Il Consiglio comunale dell’Aquila si arena per la seconda volta sulla variante al Prg, necessaria per la realizzazione di un centro di ricerca dell’Eni in località Casale Calore. Alla ripresa dei lavori, oggi pomeriggio, è... (continua)

UNIVERSITA' L'AQUILA: 'SU CENTRO ENI POLEMICHE PER DISINFORMAZIONE'

di Federica Tazza
L'AQUILA – “Sono fiducioso sul fatto che il Consiglio comunale agisca con un interesse collettivo, e credo, quindi, che le polemiche scaturite sulla realizzazione del Centro Eni, in località Casale Calore, siano solo il frutto di... (continua)

CRITICHE AL CENTRO ENI L'AQUILA: ''POSIZIONE VISCONTI PERSONALE''

L’AQUILA – Le critiche del professor Guido Visconti, direttore del Cetemps, il centro di eccellenza integrazione di telerilevamento e modellistica numerica per la previsione di eventi meteorologici severi dell’ateneo aquilano, che aveva criticato il progetto sul... (continua)

CENTRO RICERCHE ENI: APPROVATA VARIANTE AL PRG PER I TERRENI

L'AQUILA - "Finalmente la vicenda del centro ricerche Eni 'Un ponte per l'innovazione' ha raggiunto il primo importante risultato concreto". Lo annuncia il rettore dell'Università dell'Aquila, Ferdinando di Orio, che rende nota l'approvazione della variante al Prg... (continua)

ATENEO L'AQUILA: FIDEIUSSIONE PER URBANIZZARE TERRENO CENTRO ENI

L’AQUILA - Passettino in avanti per la realizzazione del centro di ricerca Eni per l’Università dell’Aquila. L’Ateneo ha firmato ieri nella sua banca (Unicredit) una fideiussione per 661 mila euro a garanzia delle opere di urbanizzazione (viabilità,... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2019 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui