Notice: Use of undefined constant HTTP_X_REAL_IP - assumed 'HTTP_X_REAL_IP' in /var/www/abruzzoweb.it/app/controllers/notizie/notizia.php on line 25 VACANZA ROVINATA DA ''GARA DI PANCIATE'': COSTA CROCIERE DEVE RISARCIRE TERAMANO Abruzzo Web Quotidiano on line per l'Abruzzo. Notizie, politica, sport, attualitá.

VACANZA ROVINATA DA ''GARA DI PANCIATE'':
COSTA CROCIERE DEVE RISARCIRE TERAMANO

Pubblicazione: 19 settembre 2018 alle ore 16:15

di

TERAMO - La nota compagnia Costa Crociere è stata condannata dal giudice Anna Lissoni al risarcimento di circa 3 mila euro, per “danno da vacanza rovinata”, nei confronti di un uomo di Teramo, O.G., e di sua moglie. 

La sentenza del giudice di pace, la numero 577 del 4 settembre 2018, si riferisce a fatti accaduti nell’agosto del 2013, quando l’uomo, a bordo della Costa Serena, considerata una delle navi più belle al mondo, con itinerario Civitavecchia, Olbia, Ibiza, Palma di Majorca, Marsiglia e Savona, si è fatto convincere dagli animatori a partecipare alla “gara di panciate”, che consiste nel tuffarsi in piscina cercando di sollevare quanta più acqua possibile.

Durante il gioco, però, il teramano ha battuto violentemente il ginocchio contro il fondo della piscina, ferendosi e di conseguenza ha dovuto rinunciare a tutta una serie di possibilità e di divertimenti, continuando la crociera su una sedia a rotelle o con le stampelle.

Per questo il turista ha deciso di rivolgersi all’avvocato teramano Barbara Mariano, che ha avviato la battaglia contro uno dei colossi delle Compagnie di viaggi.

Come si legge nella sentenza, infatti, il giudice condanna “la società Costa Crociere Spa al risarcimento di tutti danni patrimoniali e non patrimoniali subiti dall'attore , di cui 2.961,96 euro per le lesioni all’integrità psico-fisica subita, oltre l'ulteriore danno ‘da vacanza rovinata’, da liquidarsi in via equitativa, oltre interessi legali e rivalutazione monetaria dal giorno del fatto sino all'effettivo soddisfo”.

A certificare i danni fisici del teramano una perizia svolta dal medico legale incaricato, il Gaetano Di Saverio, citata nell’atto del giudice di pace: “Per i primi 14 giorni è stata riscontrata un'invalidità temporanea parziale al 75 per cento, per i successivi 7 un'invalidità temporanea parziale al 50 per cento e, infine, per altri 7 giorni un'invalidità temporanea parziale al 25per cento”.

 La Costa, assistita dall’avvocato Gennaro Dandria, ha mosso tutta una serie di eccezioni, compresa la prescrizione prevista dal Codice del Turismo, ma il giudice Lissoni ha accolto le tesi del teramano, condannando la Costa Crociere al risarcimento danni fisici, morali e al pagamento delle spese legali. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2018 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui